cartolina1.jpg

NATURAE

Sergio Pausig

 

24.04_31.05.2019
 

Inaugurazione / Opening
MERCOLEDI 24 APRILE 2019_ore 18.30
Spazio Contemporaneo Agorà, via XII Gennaio 2, Palermo


 

Palermo, 24 aprile 2019 – Lo Spazio Contemporaneo Agorà è lieto di festeggiare i suoi 30 anni di attività culturale con una esposizione collettiva di artisti legati alla galleria da un rapporto di amicizia. Il titolo della mostra 'Dalla A alla Z' gioca sul significato della grande versatilità dell'Agorà che da sempre ha accolto gli artisti contribuendo alla loro crescita culturale e professionale. Trenta artisti divisi in due eventi che avranno luogo ad Aprile e a Ottobre.

In esposizione disegni, tempere, fotografie, oli e tecniche miste, oltre sculture, installazioni, video-arte, su temi che gli artisti hanno scelto per rappresentare questo anniversario.

 

L'Agorà, che dall'aprile del 1989 ha aperto le porte al pubblico palermitano, continua la sua opera di promozione dell'arte e della cultura artistica presentando ad aprile una mostra di 15 artisti che incarnano il fare contemporaneo: dal disegno, alla pittura, alla scultura, alle installazioni.

 

Gli acrilici su cartoncino di Rosario Arizza dialogano con gli inchiostri su carta di Gabriele Gandolfo David, le cere perse di Giacomo Rizzo e le lune di EPVS, mostrando, attraverso le tecniche più diverse, una cromaticità che domina le opere rendendo protagonista il colore.

 

Nicola Pucci, con la sua sanguigna, e Ignazio Schifano propongono una rivisitazione della figura trattando in maniera differente i soggetti delle loro opere e accogliendo al loro interno la terza dimensione.

Paola Mancinelli, artista e poetessa, con una piccola opera grafica basata sul ripetersi di un elemento ritmato, conferisce al progetto quello che apparentemente appare impossibile: la parola.

 

Immagini fantastiche si sovrappongono nella terza sala dove i supereroi di Domenico Pellegrino dialogano con i grattacieli di Piero Vinci, le mani di Iolanda Carollo, le immagini fantastiche di Simone Vela e gli scarabocchi di Fiorella Rizzo e Franco Accursio Gulino, evidenziando affinità e differenze di tre generazioni di artisti a confronto.

 

Artiste che lavorano con il colore e la parola sono Ida Saitta con le sue tempere e Flavia Bigi che nei suoi piccoli smalti su acetato riprende le fila della narrazione che è lo scopo del viaggio all'interno dello Spazio Agorà. Un viaggio verso la conoscenza. Un racconto lungo 30 anni.